Le migliori fotocamere del 2020

L'esperienza utente è la cosa più importante per noi, e la guida che vi proponiamo è strutturata in modo tale da aiutare più persone possibili nella scelta di una fotocamera tanto affidabile quanto performante.

TUTTOFARE


Scheda tecnica

  • Sensore CMOS full-frame 35 mm da 24,2 MP5 con retroilluminazione
  • Gamma di sensibilità fino a ISO 51.200 (espandibile fino a ISO 50-204.800 per le foto)
  • AF rapido ibrido con AF a rilevamento di fase da 693 punti e AF a rilevamento di contrasto da 425 punti
  • Scatto continuo ad alta velocità fino a 10 fps con tracking AF/AE
  • Funzionalità di registrazione video in 4K HDR

Sony Alpha 7III, Sensore CMOS Exmor Full-Frame da 24.2 MP

Come Creativo a tempo pieno ho avuto modo di lavorare nelle situazioni più disparate e c’è sempre stata la necessità di avere una fotocamera che mi permettesse di avere funzioni che andassero bene sia per la fotografia che per il video. Poi, finalmente, Sony ha prodotto l’Alpha A7III e non ho potuto non acquistarla.

I fattori che, secondo me, la rendono perfetta per coprire sia foto che video sono due:

  • Sensibilità ISO
  • Autofocus pazzesco

La camera si presenta con un sensore Full-Frame stabilizzato da 24.2 MP, risoluzione che si sposa benissimo con qualsiasi necessità, che sia video o foto. La particolarità di questo sensore è la tecnologia di retroilluminazione. Cosa vuol dire? Abbiamo un range ISO che va da 100 a 6400 senza rumore, fino a 10.000 ISO godibili anche per lavori professionali. Pazzesco. Tutto ciò offre al Videomaker la possibilità di porre in secondo piano l'illuminazione, 6400 ISO sono più che sufficienti per coprire anche la discoteca più buia. Dall'altro lato, il fotografo, può sfruttarlo a suo vantaggio per spingersi al massimo con la creatività. Una feature molto comoda delle Sony è lo scatto sulla seconda tendina, in questo modo il flash si attiva leggermente in ritardo dando la possibilità al sensore di esporre correttamente anche il background del soggetto sfruttando le alte ISO.

Dal punto di vista dei file:

  • Lato foto abbiamo la possibilità di produrre file RAW a 14 bit che, grazie all'eccezionale gamma dinamica, permettono un formidabile recupero delle zone sottoesposte.
  • Lato video la camera è dotata di 4k 25 fps 100mbs e Full HD fino a 120 fps 100mbs

Ma arriviamo alla ciccia, l’autofocus.

La Sony A7III è dotata di uno dei sistemi di AF migliori al mondo, con 693 punti di messa a fuoco che ricoprono quasi la totalità del fotogramma, testata sia in video che in fotografia sportiva, ha un rilevamento dei volti e tracking dei soggetti perfetto.

L’Eye AF della A7III rivoluziona i ritratti, disponibile nella modalità AF-C permette un rilevamento/tracking dello sguardo rapido ed efficace, persino se il soggetto è distante, non è rivolto alla fotocamera o ha una sorgente di luce alle spalle, con il volto parzialmente in ombra. L'ampia area AF è disponibile anche per i video, l'AF Fast Hybrid a rilevamento di fase sul piano focale e l'AF a rilevamento di contrasto bloccano la messa a fuoco sul soggetto e lo seguono se si muove senza mai perderlo di vista.

Ultimo lavoro fotografico (qui è possibile vedere l'effetto dello scatto su seconda tendina): link.

Ed uno spottino girato per lavoro: link.

Tirando le somme, la Sony Alpha A7III è, a mio parere, l’incarnazione dell’affidabilità e ciò la rende il miglior compromesso possibile per chi è alla ricerca di una camera che possa soddisfare qualsiasi necessità.

TOP VIDEO


Scheda tecnica

  • Sensore Live MOS da 20,33 Megapixels
  • Attacco Obiettivo: Micro Quattro Terzi.
  • Stabilizzatore di immagini a 5 assi Dual I.S.2: utilizzabile sia durante le riprese video che foto.
  • Autofocus: sistema di messa a fuoco a contrasto. Funzioni aggiuntive: Post Focus, Focus stacking, rilevamento del viso/occhi.
  • Raffica 12 fps (fuoco bloccato sul primo scatto della raffica) oppure e 9 fps con autofocus continuo.
  • Video: Full HD, 4K a 60 fps
  • Batteria: consente la registrazione video fino a 65 minuti circa e di scattare fino a 440 foto usando il display posteriore.

Panasonic Lumix GH5, 20,3 MPx, Registrazione video 4K/60p

Quando ho iniziato la mia carriera da videomaker, online si parlava solo di una fotocamera, l’ammiraglia Panasonic Lumix GH5. L’ho comprata immediatamente ed ora, passati due anni, posso dare il mio personale giudizio su una camera che è la migliore del settore.

In questa guida non voglio andare troppo sul tecnico, internet è pieno di info sui tecnicismi. La GH5 ha molti difetti, regge poco le alte ISO (max 3200 utilizzabile) e l’autofocus non troppo responsivo obbliga ad utilizzarla prevalentemente in modalità manual focus. Vorrei parlarvi principalmente dell’esperienza diretta e dell’unica feature che secondo me la mette al top come fotocamera per i video, la stabilizzazione.

La signora GH5 è dotata di un sensore da 20,3 MPx stabilizzato a 5 assi, è praticamente un gimbal. Sfrutta infatti un doppio sistema di stabilizzazione, che combina quella del corpo macchina sul sensore, a quella delle ottiche compatibili (Lumix 12-35 f2.8 must have).

Ciò dà al videomaker run and gun la possibilità di viaggiare leggero portando con se solo obiettivi e microfoni, tutti i movimenti di camera si possono fare a mano ed il risultato è sempre un'immagine pulita e stabile.

Trailer di matrimonio girato con questa bestiolina (tutto a 50mm, volevo fare il figo): link.

Insomma, la stabilizzazione è una killer feature e se siete videomaker che come me amano l’attrezzatura minimal, la GH5 è miglior camera per videomaker di sempre.

TOP PHOTO


Scheda tecnica

  • CMOS Exmor R™ full-frame da 42,4 MP e 35 mm e sistema di elaborazione delle immagini avanzato
  • Gamma ISO standard 100-32.000 (limite superiore espandibile fino a 102.4005)
  • AF rapido ibrido con 399 punti AF a rilevamento di fase sul piano focale e AF a rilevamento di contrasto con 425 punti
  • Scatto continuo ad alta velocità fino a 10 fps con tracking AF/AE
  • Stabilizzazione dell'immagine a 5 assi con vantaggio esposizione a 5,5 stop

Sony Alpha 7RIII, Sensore CMOS Exmor Full-Frame da 43.6 MP

E’ difficile parlare in modo generico della miglior fotocamera per fotografi senza cadere in numeri e tecnicismi, ma con questa guida voglio parlarvi della mia esperienza con la Sony Alpha 7RIII, utilizzata da un mio collega ogni giorno e nei modi più disparati.

Analizziamo subito la scheda tecnica.

La cosa che salta subito all’occhio è il sensore di immagine full-frame che vanta una risoluzione da 42,4 MP, retroilluminazione e rivestimento AR (antiriflesso) sul vetro per proteggere il sensore. L’elev ata risoluzione permette a Sony di inserire una funzione di “crop” del sensore che lo trasforma in un APS C, mantenendo 20 MP e permettendo di zoomare ulteriormente senza perdità di qualità. Il tutto unito ad una straordinaria gamma dinamica e l'uscita RAW a 14 bit che permettono il recupero delle zone sottoesposte senza il minimo rumore.

Il sistema di elaborazione dell'immagine avanzato e gli algoritmi di AF della fotocamera migliorano velocità, precisione e prestazioni di tracking dell'autofocus mai viste prima, permettendo di catturare e bloccare la messa a fuoco anche su animali veloci dai movimenti imprevedibili. Inoltre è presente l’Eye AF, sistema di autofocus che si concentra sul tracking dell’occhio del soggetto, precisissimo e velocissimo, permette di ottenere facilmente ritratti di un soggetto in movimento utilizzando l’AF-C (autofocus continuo) anche durante lo scatto continuo, e persino se il soggetto è distante, non è rivolto alla fotocamera o ha una sorgente di luce alle spalle, con il volto parzialmente in ombra.

Insomma, la A7RIII offre una messa a fuoco ultra affidabile, un sensore dalla risoluzione straordinaria ed un prezzo che ,grazie all’uscita della nuovissima A7RIV, è calato drasticamente rendendola, a mio avviso, la miglior compagna per un fotografo professionista.

LOW BUDGET


Scheda tecnica

  • Sensore Live MOS da 16 Megapixel
  • Attacco Obiettivo: Micro Quattro Terzi.
  • Stabilizzatore di immagini a 5 assi Dual I.S.2: utilizzabile sia durante le riprese video che foto.
  • Autofocus: sistema di messa a fuoco a contrasto. Funzioni aggiuntive: Post Focus, Focus stacking, rilevamento del viso/occhi.
  • Raffica 8 fps (fuoco bloccato sul primo scatto della raffica) oppure e 6 fps con autofocus continuo.
  • Video: Full HD, 4K a 25 fps
  • Batteria: consente la registrazione video fino a 45 minuti circa e di scattare fino a 300 foto usando il display posteriore.

Panasonic Lumix GX80 e Obiettivo 12-32mm, 16 MP

Perché, tra le tantissime opzioni low budget, proprio la Lumix GX80?

In anni di esperienza come Creativo ho avuto modo di toccare con mano sia il campo fotografico che quello del video, e posso tirare le somme riguardo le features che una macchina fotografica deve assolutamente possedere:

  1. 16MP sono lo standard per una buona resa fotografica
  2. Salvataggio di foto in file RAW 12bit
  3. Video Full HD fino a 60fps
  4. Video 4K con 100mbs di bitrate
  5. Sensore stabilizzato
  6. Obiettivi intercambiabili
  7. Ottima durata della batteria

Ebbene, la Lumix GX80 possiede tutto ciò ed insieme alla facilità dei menù di cui Panasonic è maestra, è a mio parere il miglior investimento che si possa fare per un corpo macchina compatto, prestante e specialmente economico.

Ecco un video realizzato con questa camera: link.

Per la miglior esperienza possibile, consiglio di acquistare il kit base insieme al fantastico obiettivo Lumix 25mm f1.7.

Un articolo di Giuseppe Legrottaglie, Creativo e Co-Founder di SalvaMoneyz.it

POTREBBERO INTERESSARTI